Combattere e prevenire i crampi

Pubblicato il 25-05-2022
Combattere e prevenire i crampi

Per combattere e prevenire i crampi vogliamo darvi alcuni semplici consigli, che ci auguriamo possano tornarvi utili. Un’alimentazione bilanciata e consapevole costituisce la base della soluzione al problema.

 

1- Idratazione. Assumerne a sufficienza in base alle richieste del nostro organismo (età, sesso, costituzione, stato di salute e attività fisica). Per gli adulti mediamente attivi sono solitamente indicati 2 L di acqua al giorno, da aumentare in caso di attività fisica intensa e alte temperature.

Se si fatica a introdurre una quantità di acqua sufficiente, possiamo inserire nella nostra alimentazione cibi che ne sono particolarmente ricchi: cetrioli, lattuga, ravanelli, cocomero, pomodori, zucca gialla, melone, radicchio, zucchine, latte, yogurt, minestre e vellutate, spremute e centrifugati di frutta e verdura. È utile consumare bevande ricche di sali ed elettroliti, la carenza dei quali favorisce i crampi. È molto importante quindi mantenere una buona scorta di idratazione prima di apprestarsi a lunghe corse o allenamenti.

2- Potassio. Minerale presente in quantità variabili in tutti gli alimenti, soprattutto in quelli freschi non sottoposti a trattamenti (frutta, verdura, carni fresche). Le principali fonti di potassio di origine vegetale sono: patate, carciofi, finocchi, cavolfiore, cavoli di Bruxelles, pomodori, rucola, spinaci, avocado, albicocche, banane, kiwi, melagrane, melone, pesche, fichi, datteri, fagioli, ceci, lenticchie, soia, mandorle, arachidi, nocciole, farro, crusca di frumento, avena, grano saraceno. Tra le fonti di origine animale troviamo merluzzo, salmone, sgombro, tonno, pollo, tacchino, manzo.

3- Sodio. Le Linee guida per una sana alimentazione consigliano di non superare i 2 g/die di sodio (5 g di sale da cucina) e di limitare l’utilizzo del sale nelle preparazioni casalinghe e il consumo di alimenti industriali, che ne contengono in quantità elevate (prodotti da forno, salumi, formaggi stagionati). Nel caso dello sportivo, a causa delle perdite del minerale con la sudorazione, seguire una dieta iposodica è controproducente. Non sono necessari particolari accorgimenti per assicurarci un introito di sodio sufficiente: è presente (anche se poco) in quasi tutti gli alimenti al naturale e in quantità maggiori negli alimenti industriali di uso comune, come il pane, e lo aggiungiamo a tavola con il sale.

4- Magnesio. Lo troviamo in quasi tutti gli alimenti in quantità diverse ed è molto sensibile a processi come la raffinatura dei cereali, la pastorizzazione e la cottura dei cibi, che ne diminuiscono drasticamente la concentrazione. Troviamo abbondanti quantità di magnesio in: crusca di frumento, quinoa, miglio, farro, mandorle, anacardi, nocciole, fagioli, lenticchie, ceci, mais, spinaci, biete, carciofi, caffè. L’associazione con fruttosio, proteine e carboidrati complessi ne favorisce l’assorbimento.

5- Calcio. Oltre a non essere particolarmente abbondante negli alimenti, riusciamo ad assorbirne una percentuale piuttosto bassa, per questo l’apporto di calcio con la dieta necessita di un occhio di riguardo. Viene assorbito a livello intestinale grazie alla vitamina D, la sua biodisponibilità è ridotta da ossalati (presenti in spinaci, pomodori, cioccolato) e fitati (cerali integrali, legumi, frutta secca) ed è aumentata dalla presenza di lattosio, proteine del latte, inulina e oligosaccaridi. Gli alimenti per cui l’assorbimento di calcio è maggiore (30-40%) sono i prodotti lattiero caseari, che costituiscono la miglior fonte del minerale, e le brassicacee (broccoli, cavoli), che però non ne contengono quantità sufficienti. Sono ricchi di calcio: formaggi stagionati, medi a pasta dura, molli e freschi, latte e yogurt, mandorle, legumi secchi, acciughe, calamari, gamberi, polpo.

 

Seguire una buona alimentazione è molto importante, se in più si pratica attività fisica, è fondamentale consumare gli alimenti giusti utili ai fini del consumo energetico durante lo sforzo fisico. Per prevenire l’insorgenza dei crampi muscolari, è fondamentale evitare le condizioni di disidratazione e squilibrio elettrolitico.

 

 

 

Dott. Andrea Zonza Biologo Nutrizionista

Prodotti correlati