Come lavorare sulla forza in bici per gli amanti del fitness?

Pubblicato il 19-05-2016
Come lavorare sulla forza in bici per gli amanti del fitness?
Allenare la forza in bici è una routine per ciclisti professionisti e non ma può essere anche una valida alternativa per gli amanti del fitness.

E' infatti importante dare più stimoli possibili al nostro organismo e cercare di introdurre (con cautela) una sorta di multidisciplinarietà anche in questo campo. Prima di tutto bisogna verificare il grado di preparazione e di allenamento del nostro praticante: ha già avuto confidenza con il mezzo pedalato? Quanto si allena in settimana? Ha avuto problemi articolari? Queste sono le principali domande che bisogna fare (e farsi) prima di intraprendere un ciclo di lavoro di forza in bici per un non praticante.

Detto ciò, non buttiamoci subito sulla cyclette o sulla bici in maniera affrettata: facciamoci consigliare da un esperto, sia sul tipo di bici ma soprattutto sulla posizione in sella (altezza, arretramento etc) onde evitare spiacevoli inconvenienti a livello muscolare e articolare.

Iniziando per gradi, possiamo eseguire dei semplici e divertenti lavori di forza sulla bici, andando così a “rompere'' la monotonia dei classici esercizi a corpo libero e dando al nostro fisico nuovi imput motori.

Se siamo all'aperto, scegliamo una strada poco trafficata in pianura e ogni 10 minuti inseriamo un rapporto lungo (in parole povere “duro) e pedaliamo 30 sec seduti e 30'' in piedi, il tutto per 2/3 minuti. Una volta eseguito questo workout, pedaliamo con un rapporto agile in tranquillità. Attenzione a non tirare con le braccia il manubrio quando stiamo effetuando questo lavoro, tutta la forza deve essere espressa solo dagli arti inferiori.

Lo stesso lavoro può essere svolto anche ogni qualvolta troviamo un piccolo cavalcavia, scalando i rapporti e spingendo da seduti. Un altro lavoro (da eseguire a fine seduta) può essere quello di effettuare delle progressioni in pianura aumentando la cadenza : partiamo da una velocità di 20 km/h con un rapporto lungo e ogni 30 sec saliamo di un pignone fino ad arrivare agli ultimi 30 secondi ad una cadenza molto elevata (il tutto per 2-3 volte con recupero di 2 min); in questo modo riusciamo a lavorare anche sul sistema neuromuscolare, migliorando la coordinazione intra-muscolare.

Tutto ciò può essere effettuato anche sulla spin bike in palestra ma, ovviamente, se c'è bel tempo meglio una sana boccata di aria fresca!

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli

Ok