Venerdì 07/08/2020
Registrati alla nostra newsletter per ricevere subito 15% di sconto sul tuo prossimo ordine

La corsa in estate

Pubblicato il 07-07-2020
La corsa in estate

Il corpo è fatto per adattarsi a tutto, dallo sforzo fisico al clima… con i suoi tempi.

Correre con il caldo inizialmente è difficile; va lasciato all’organismo il tempo di abituarsi, adeguando il ritmo alle possibilità iniziali visto che si deve affrontare anche questo tipo di stress.

La media per l’adattamento sono 14 giorni, nei primi giorni si suderà tantissimo, poi meno fino a trovare il punto di equilibrio e di conseguenza fare allenamenti di qualità anche in preparazione alle maratone della seconda parte dell’anno (si spera).

Il caldo, l’umidità aumentano la normale sudorazione, così come l’intensità dell’allenamento.

Sudare significa perdere acqua, sodio, magnesio e potassio, elettroliti che vanno prontamente reintegrati, utile una soluzione salina con carboidrati a fine attività .

Il sodio si integra anche con l’alimentazione, aggiungere poco sale alle pietanze può essere un modo veloce e utile per reintegrare al meglio usando la normale alimentazione.

Idratarsi, recuperare velocemente i liquidi persi a fine corsa, per aiutare anche la termoregolazione e il “raffreddamento” del corpo, è un concetto molto importante che dobbiamo tenere ben presente in questi mesi.

L’acqua è essenziale per un corretto rendimento fisico e mentale, per prevenire scompensi e alterazioni dell’equilibrio corporeo, si può assumere come tale o attraverso insalate, zuppe fredde, spremute, frutta come anguria e melone.

Gli allenamenti vanno organizzati in modo tale da trovare percorsi di allenamento che comprendano anche delle fontanelle, per bere ed eventualmente bagnarsi la nuca (evitando così un “colpo di calore”) oppure marsupio o zaino con borraccia/camelbag, per bere anche durante l’attività.

Consigli pratici:

  • Bere almeno 300/500 ml di soluzione salina prima dell’allenamento
  • Bere acqua durante l’allenamento, se dura meno di 60 minuti, quando si superano gli 80 minuti aggiungere un gel isotonico, che non richiama acqua e viene assorbito facilmente
  • Bere una soluzione salina, si può diluire la dose anche in 1 litro di acqua, visto che mediamente è questo il quantitativo di liquidi che si perde
  • Mangiare tanta frutta fresca acquosa come anguria e melone
  • Aggiungere un pizzico di sale in più ai condimenti (consiglio valido per sportivi normopeso e non ipertesi)

 

Dott.ssa Annalisa Faè

Prodotti correlati

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli

Ok