XXV Acea maratona internazionale di Roma : successo Etiope, 28.000 runners all’ombra del Colosseo

Pubblicato il 08-04-2019
 

XXV Acea Maratona Internazionale corsa a lungo sotto la pioggia: tra le donne trionfa Megertu (2h22:52), al maschile successo per Heyi (2h08:37). Circa 28.000 atleti tra maratona e stracittadina.

Roma- L’aveva annunciata alla vigilia e l’impresa è riuscita. Alla XXV Acea Maratona Internazionale di Roma, corsa per lunghi tratti sotto la pioggia, è caduto il primato femminile dei 42,195 km della Capitale: il risultato di giornata lo ha firmato la 22enne etiope Alemu Megertu, che con 2h22:52 ha limato un secondo al record della manifestazione che resisteva dal 2008 (2h22:53 della russa Galina Bogomolova) e ha abbassato di oltre cinque minuti il personale sulla distanza. Megertu ha preceduto l’altra etiope, più esperta, Muluhabt Tsega, seconda in 2h26:41, e un’altra connazionale, Chaltu Negesse (2h30:45).

Stremati al traguardo

UOMINI – La pioggia disturba soprattutto la prima mezz’ora di gara. Ne escono passaggi al 5° km di 15:18, al 10° di 30:29 e al 15° di 46:07. Alla mezza (1h04:57 e una proiezione intorno alle due ore e dieci) resta insieme un drappello di una quindicina di uomini, con Daniele Meucci attento (1h05:04) e sempre sulla scia dei migliori, scortato dal compagno di club Najibe Salami che si ferma intorno al km 25. Ma non è la giornata che sperava il campione europeo di Zurigo 2014: perde contatto dal plotone dei favoriti al km 27, complice un problema di stomaco, quando gli altri, lì davanti, cominciano a fare sul serio. Il lavoro dell’ultimo pacer Mburugu finisce al km 32 ed è proprio a dieci chilometri dal termine che inizia il corpo a corpo tra i protagonisti. Si forma un gruppo di cinque etiopi: Heyi, Babo, Teshome, Adane e Wokneth. È al 36esimo chilometro che Heyi rompe gli indugi, in progressione saluta la concorrenza e si invola verso il traguardo.

DONNE – Tutto come previsto: è gara a due tra le donne, con le favorite etiopi Tsega e Megertu che partono con decisione (33:45), alla mezza “girano” a 1h11.11, con una proiezione sotto il record femminile. Dopo il 35° chilometro la più giovane delle due, Alemu Megertu (fin qui un personale di 2h28:08 realizzato a Shanghai nello scorso novembre) cambia passo e resta sola al comando. Corsa rotonda ed efficace, per presentarsi ai Fori Imperiali in piena linea con il record, poi battuto di un secondo. L’azzurra Soufyane stringe i denti, passa alla mezza in 1h16:19 e chiude in 2h34:54 recuperando un paio di posizioni prima del km 40.

NUMERI DA RECORD

Sono stati 18.000 i partecipanti della Stracittadina non competitiva (5 km) con partenza da piazza Venezia e arrivo al Circo Massimo. Il primo uomo arrivato è Juan Negreira, la prima donna è la portacolori dell’Athletica Vaticana Sara Carnicelli. Considerando gli atleti iscritti alla Maratona, sono stati circa 28.000 i runners che hanno corso lungo le strade della capitale.

IN TV – L’Acea Maratona Internazionale di Roma è stata trasmessa domenica 7 aprile in differita su RaiSport alle 22.40. 

Questo invece il passaggio al telegiornale (clicca qui).

 

PROACTION OFFICIAL NUTRITION PARTNER 

ProAction ha curato tutti i ristori della gara, proponendo le novità 2019 del catalogo. Lo stand è stato affollato in tutti e tre i giorni di Expo da atleti e curiosi  (oltre 50.000 la stima dei visitatori) che hanno potuto seguire anche i consigli nutrizionali sul palco della Dott.ssa Annalisa Faè, maratoneta sport nutrition specialist di ProAction.

 

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli

Ok