Giovanna Epis Campionessa Italiana Maratona

Pubblicato il 14-12-2020

Primato personale per Giovanna Epis che vince il tricolore italiano di maratona a Reggio Emilia e conferma il minimo olimpico per Tokyo 2021.

E’ stato un week end da ricordare per la nostra Giovanna Epis, che a Reggio Emilia, ha vinto il titolo italiano di maratona migliorando il record personale di oltre un minuto con un ottimo 2h28’03” in una mattinata di sole ma fredda con due gradi alla partenza. Con questo risultato la veneziana trapiantata a Milano ha confermato lo standard di qualifica per le Olimpiadi di Tokyo 2021 già realizzato in occasione della Maratona di Rotterdam nel 2019 con 2h29’11”. 

L’atleta allenata da Giorgio Rondelli ha conquistato il primo titolo italiano della sua carriera due mesi dopo essere stata la migliore delle italiane ai Mondiali di mezza maratona di Gdynia con il record personale di 1h11’14”.

Sentita a caldo non nasconde la sua felicità: “E’ un crono che volevo e che cercavo da tanto tempo. Non avevo in programma di essere qui, ma ho deciso di provarci dopo l’impegnativa gara dei Mondiali di mezza maratona di Gdynia e una decina di giorni di stop, con una preparazione più breve del solito. Sapevo di valere una prestazione del genere. Ho corso basandomi molto sulle sensazioni. “

Com’è stata questa strana stagione?? “Non diversa dal punto di vista degli allenamenti, alla fine ci siamo allenati bene comunque. Più logorante dal punto di vista mentale, ho fatto tanta fatica ad entrare in gara. Quelle poche gare alle quali abbiamo partecipato erano completamente diverse dalla routine, tutto più ovattato. Al Mondiale finalmente mi sono sbloccata e quello che ho vissuto a Reggio Emilia, l’ho visto ormai come una normalità per riprendere. Dovremo conviverci ancora per parecchi mesi, l’evento di domenica è la dimostrazione che volendo si può fare tutto. Mi auguro che la stagione 2021, anche in vista delle Olimpiadi, sia un lento ritornare alla normalità”.

Hai una dedica per questa tua vittoria e per la qualifica? “Certamente ringrazio il supporto dei Carabinieri, che anche in quest’annata difficile sono stati vicini ai loro atleti e ai loro obiettivi; poi un grazie va al mio allenatore Giorgio Rondelli, mi ha insegnato ad approcciarmi alle gare in maniera diversa, mi ha migliorato anche dal punto di vista mentale. E poi Luca (Tocco, il fidanzato) che mi supporta e sopporta. Ora posso lavorare serenamente per l’Olimpiade, ho un team che mi segue e sponsor che credono in me.”

 

In bocca al lupo Giovanna!

 

Prodotti correlati

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli

Ok